DUE MASTERCLASS PER STRUMENTISTI ALL’ISTITUTO CLAUDIO MERULO DI CASTELNOVO NE’ MONTI

 

Due nuove Masterclass all’Istituto musicale Claudio Merulo di Castelnovo ne’ Monti, sede montana del “Peri-Merulo”, che anche in questo 2022 ha confermato un’offerta formativa con lezioni di perfezionamento e approfondimento, completando un percorso di formazione che si dispiega sui dodici mesi dell'anno e si avvale di figure di riferimento del panorama didattico musicale nazionale e internazionale. Tra luglio e settembre i due appuntamenti, dedicati a giovani musicisti provenienti da bande e da scuole secondarie di primo grado. Si parte lunedì 11 luglio, per proseguire con la seconda Masterclass lunedì 5 settembre (entrambi dalle ore 9,30 alle ore 18,00) presso la sede dell’Istituto: “Queste Masterclass di orientamento rappresentano un’offerta formativa di grande interesse-commenta Emanuele Ferrari, Vicesindaco e Assessore alla Cultura di Castelnovo Monti- ma anche, perché no, di divertimento per i ragazzi che ne faranno parte: i giovani musicisti tra gli 11 e i 18 anni avranno occasione di seguire corsi di perfezionamento concentrati in due giornate, con docenti di alto livello. Un’opportunità che può rappresentare un passo avanti consistente nella loro crescita musicale ma anche personale, e nella capacità di esprimersi attraverso la musica, condividendo la loro esperienza con insegnanti molto qualificati”. 

 -----------------------------------

Le Master Class durante l'Anno Accademico e la Summer School estiva, a cui gli allievi interni accedono a condizioni agevolate, completano un'offerta formativa che si dispiega sui dodici mesi dell'anno e si avvale di figure di riferimento del panorama didattico musicale nazionale e internazionale.

I docenti coinvolti nelle due Masterclass sono: il M° Giovanni Mareggiani (flauto), il M° Stefano Franceschini (clarinetto), il M° Imerio Tagliaferri (corno), il M° Simone Copellini (tromba/trombone) per la lezione dell’11 luglio, il M° Fabio Codeluppi (tromba/trombone) per la lezione del 5 settembre, il M° Edoardo Ponzi (percussioni), il M° Marco Pedrazzini (pianoforte) e il M° Roberto Guarnieri (Chitarra). Gli incontri sono aperti a studenti di età compresa tra gli 11 e i 18 anni, che abbiano già competenze di base relative allo strumento. Le iscrizioni sono gratuite fino al 30 giugno e per informazioni si prega di contattare la segreteria allo 0522-610206 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Altri tre arrivi all'ISSM di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti per il progetto di accoglienza di profughi dalle zone di guerra, che si aggiungono a sette ragazze già arrivate a Reggio Emilia nelle scorse settimane.

Si tratta di una violinista di Kirovograd che studia alla State Music Academy Sergei Prokofiev di Donetsk; di una trombonista di Pobuzke frequentante i corsi della Ukrainian National Tchaikovsky Academy of Music di Kiev e di una cantante della regione di Zaporizhzhya che studia alla Ivan Kotlyarevsky National University of Arts di Karkiv. Ad esse si aggiungeranno altre due musiciste nei prossimi giorni che si sommano a tre presenze già accolte precedentemente nella scuola.

L'Istituto Peri-Merulo, in collaborazione con realtà socio-rilevanti del territorio come la Dimora d'Abramo e Casa Betania e attivatosi a livello istituzionale tramite Consolati, Prefettura e Questura, si sta occupando di assicurare sostentamento e alloggio alle studentesse profughe, permessi di soggiorno, una copertura sanitaria e le sta inserendo nei propri corsi per assicurare loro continuità didattica durante questa fase di crisi internazionale.

Rimane importante che la comunità si stringa attorno a questa iniziativa solidale e giunga sostegno anche da parte di privati che abbiano la possibilità di mettere a disposizione alloggi ove dare dignità abitativa alle giovani musiciste.

L'istituto Peri-Merulo è in grado, grazie a proprie risorse e anche alla rete di collaborazioni attivate per il progetto, di assicurare le condizioni di tutela necessarie perché ogni possibile azione solidale spontanea proveniente dal territorio possa concretizzarsi al meglio, com'è stato per l'accoglienza del primo gruppo di ragazze, resasi possibile in un alloggio generosamente messo a disposizione dalla Fondazione "Giulia Maramotti" cui la scuola rinnova i propri ringraziamenti.

Per contattare l'Istituto Peri-Merulo 0522 456771.

Si è svolto stamane all’Auditorium Gianfranco Masini l’incontro di benvenuto per 7 profughe ucraine che vanno ad aggiungersi ad altri ospiti già giunti a Reggio Emilia per il progetto di accoglienza dell’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti rivolto ai profughi provenienti da scenari di guerra.

Il “Peri-Merulo” attivandosi ai più alti livelli istituzionali, ha aperto le proprie porte a studenti e docenti per permettere loro di proseguire l’attività grazie a borse di studio e di ricerca, stabilendosi in città attraverso tutti i canali di accoglienza che si sono attivati in queste settimane.

La sensibilità di privati che stanno mettendo a disposizione alloggi gratuitamente si unisce al lavoro di Prefettura, Questura, Ausl e soggetti del sociale; un sistema che fa sì che stamane una professoressa con funzioni anche di interprete insieme a un tirocinante e due studentesse dell'Università di Kharkiv, due studentesse del Liceo Musicale della stessa città e una dell'Accademia di Kiev si siano potute presentare ufficialmente nel Conservatorio di musica. In arrivo ci sono ancora una cantante da Odessa e altre due studentesse. Questo canale di accoglienza diretto con le città ucraine si è potuto aprire grazie al determinante apporto anche dell’on. Valdo Spini e del Console italiano a Kiev  Sergio Federico Nicolaci.

Un’azione solidale fortemente voluta dai vertici dell’istituto, il presidente Armando Sternieri e il direttore M° Marco Fiorini che ha immediatamente coinvolto tutte le risorse e competenze umane della struttura, con numerose risposte anche a titolo privato da parte di molti.

Dopo i saluti e il benvenuto della signora Prefetto Iolanda Rolli e un momento musicale affidato a Marta Premoli (violoncello), Simone Sgarbanti (pianoforte) e a Matteo Rovatti (percussioni), si sono collegati online con l’Istituto reggiano direttamente da Kiev il professor Volodymyr Podolchuk, capo del Dipartimento di Musica dell’Accademia di Stato della Cultura e delle Arti Lugansk e il professor Alexander Priymenko, vice rettore e capo del Dipartimento dei rapporti internazionali dell’Università nazionale delle Arti “Ivan Kotlyarevsky” di Kharkiv, che ha portato i saluti anche della professoressa Julia Nikolaevslaya, referente dell’Istituto musicale reggiano per questo specifico gruppo di arrivi.

Vai all'inizio della pagina