L'annuale ciclo di incontri aperti al pubblico della Biblioteca Musicale "Armando Gentilucci".

L’Orecchio del Sabato è un contenitore dove i temi della musica, dell’arte e della cultura anche più alti trovano una loro divulgazione, capace di emozionare e richiamare schiere di pubblico e di appassionati.

La Biblioteca "Gentilucci" è uno spazio aperto al territorio, ove è facile entrare, incontrarsi, attingere a quanto vi è custodito.


L'edizione 2019: Invito al molteplice

Sabato 4 maggio 2019, ore 16 - Auditorium Gianfranco Masini
Oltre la generazione romantica
Alberto Arbizzi relatore e pianoforte
Musiche di F. Schubert, R. Schumann, F. Liszt, F. Chopin

Sabato 11 maggio 2019, ore 17 - Auditorium Gianfranco Masini 
Spasimo. Pietre che cantano
Luca Franzetti relatore e violoncello solista
Francesco Gaspari violino - Angelica Cristofari viola
Sofia Volpiana violoncello - Gabriele Genta percussioni
Simone Sgarbanti tastiera
Musiche di G. Sollima: Spasimo, per violoncello, trio d’archi, percussioni con base registrata (1995)

Sabato 18 maggio 2019, ore 17 - Sala Stalloni
La punta alla destra del cuore. Dialoghi nella composizione
Carlo Forlivesi relatore

Sabato 25 maggio 2019, ore 17 - Biblioteca Armando Gentilucci
Infinita tenebra di luce. L'"Angelo necessario" e la musica di A. Guarnieri
Francesca Magnani relatrice
letture da Dante e da Rainer Maria Rilke
Laura Pazzaglia attrice
Ascolti e visioni da: L’Amor che move il sole e l’altre stelle, opera video per 3 soli, 5 vocalisti, coro, ensemble strumentale e live electronics (2015); Infinita tenebra di luce, per 4 voci, un attore e orchestra (2018) di Adriano Guarnieri

Sabato 1 giugno 2019, ore 17 - Auditorium Gianfranco Masini 
KammerKonzert. Quel giusto mezzo di K in K
Franca Bacchelli relatrice
Nicole Costoli e Valentina Wang pianoforti
Musiche di W. A. Mozart: Concerto per pianoforte n. 13 in Do maggiore, KV 415 (1782/83); Concerto per pianoforte n. 15 in Si bemolle maggiore, KV 450 (1784)

Quarant’anni fa Armando Gentilucci (1939-1989) siglava in un lungo saggio il suo invito a una musica multiforme, onnivora, ricca di materiali nuovi e di altri improntati da contesti stilistici e storici antichi. Il senso del suo messaggio travalica il dibattito di quegli anni e parla a chiunque s’interroghi sul rapporto con la musica nel/del proprio tempo. Mette in discussione la validità di tutte le classificazioni e denuncia il pericolo dei dogmi, ivi compreso quello dell’avanguardia. Sono negati i principi della negazione: tutto può essere rivisitato a condizione che ci si emancipi dalle leggi che presiedono ai sistemi. Nessun a priori dunque, ma una libera e rigorosa ricerca con la quale ogni musicista deve misurarsi, immerso nel movimento semantico di perenne trasformazione della conoscenza.

Ingresso libero a tutti gli eventi (limitatamente ai posti disponibili, non prenotabili)
Per info: 0522 456772 · Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


 ods2017 manifesto


Le edizioni precedenti


Album fotografici

Guarda su Flickr tutti gli scatti dalle varie edizioni de L'Orecchio del Sabato, nonché dalle altre nostre iniziative:


Video

2018


Archivio dei materiali audiovisivi

Il ciclo completo di tutte la manifestazione L'Orecchio del Sabato viene audio-video registrato e successivamente editato da Uberto Pieroni, responsabile del Laboratorio d'Informatica dell'Istituto, in modo da archiviare gli eventi per la pubblica consultazione.
Tutti i DVD sono presenti nel catalogo della Biblioteca Gentilucci e sono visionabili in consultazione interna sia con mezzi propri che sulle postazioni pubbliche.

Guarda le copertine dei DVD realizzati:

Vai all'inizio della pagina